Trova

Relazione Ex-Lege 10/91, progettazione e verifiche energetiche edifici

Redazione Relazione Tecnica di cui alla L.10/91 e s.m.i., “Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico”, conforme all’Allegato B della D.G.R. n.8745 del 22/12/08 (Regione Lombardia) o all’Allegato E del D.Lgs n.311 del 29/12/06 e s.m.i. (D.P.R. n.59 del 02/04/09, applicazione Nazionale).

A-16-1

Il documento va redatto in fase di progettazione di Nuovo Edificio o Interventi di Ristrutturazione su Edifici Esistenti, da Tecnico Abilitato, nominato dal Committente dell’Opera edilizia.
La L.10/91 è sostanzialmente la verifica dei requisiti del sistema edificio-impianto, eseguita pre-intervento; copia della Relazione è depositata in Comune contestualmente alla presentazione della pratica edilizia.

Normative di riferimento:
Applicazione a livello Nazionale
D.P.R. n.59 del 02/04/09
UNI TS 11300 parte 1 [no allegato]
UNI TS 11300 parte 2 [no allegato]
UNI TS 11300 parte 4 [no allegato]
Applicazione in Regione Lombardia
D.G.R. n.8745 del 22/12/08
Decreto n.5796 del 11/06/09 e Allegato Tecnico (Procedura di calcolo) [2 link]

Si riportano di seguito le fasi procedurali che sono generalmente messe in atto, concordemente con gli obiettivi della Committenza, per incarichi progettuali relativi ad aspetti energetici in edilizia:

Colloquio preliminare conoscitivo con Committente e Progettista architettonico;

Verifica normativa di riferimento: Nazionale, Regionale, Comunale;

Individuazione delle caratteristiche di base delle stratigrafie e dei materiali rispondenti alle   prestazioni richieste da normativa, generalmente fornita dal progettista architettonico;

Ipotesi di altre possibili stratigrafie impiegabili e rispondenti alle normative, unitamente alle verifiche in merito a parametri non cogenti ma utili dal punto di vista del comfort interno estivo, acustico, durabilità, problemi di muffe e condense, statica etc.

Valutazione dell’effetto termico e di risparmio energetico che possono avere altri fattori che, a parità di costo, permettono risparmi sui consumi energetici o comunque permettono miglioramenti importanti dal punto di vista del comfort (ad esempio il trattamento superficiale delle strutture di copertura per limitare l’apporto termico della radiazione solare, oppure della gradazione di finitura superficiale esterna).

Confronto economico delle varie soluzioni, con calcolo del Delta costo rispetto alla struttura di base e valutazione del tempo di ritorno economico per ogni struttura ipotizzata (vedi tabella seguente)

Scelta, in collaborazione con la Committenza ed il progettista architettonico, della struttura più adeguata in base ai parametri prestazionali ed al costo al mq di ogni stratigrafia ipotizzata.

Valutazione di confronto tra i diversi elementi e le relative dispersioni energetiche (componenti opachi, componenti trasparenti, ponti termici, ventilazione etc.) per individuazione in percentuale del peso che hanno sulla dispersione totale energetica e ottimizzazione del valore di isolamento termico del componente che “pesa” di più e costa meno (rif. Tabella seguente)

Esecuzione degli elaborati relativi alla individuazione planimetrica e su prospetti delle stratigrafie di progetto, ogni tratto riporta il codice associato alla tabella contenuta nella relazione di legge 10 e la dimensione specifica. In legenda sono evidenziati i codici alfanumerici e di colore associati ad ogni stratigrafia, con il relativo valore di trasmittanza termica “U”, sia degli elementi verticali che orizzontali.

Predisposizione delle indicazioni di corretta posa in opera e delle prescrizioni da rispettare, nonché dei particolari costruttivi delle sezioni correnti e dei nodi strutturali, impiantistici,etc.